Viaggio in una città
intorno a una stanza museale

L'Arch. Fabio Fornasari nasce a Bologna il 6 giugno 1964 e inizia la pratica professionale nel 1995.

Nel 1998 si trasferisce a Milano, dove si occupa di progetti che pongono il mostrare e il raccontare al centro della propria ricerca: allestimenti museografici, progetti di installazioni, progetti espositivi.

Nel 2011 si trasferisce a Roma portando la sua esperienza di design della relazione e delle interfacce progettando installazioni e allestendo mostre all’interno del parco archeologico di Roma antica: Terme di Caracalla, Foro Romano, Terme di Diocleziano, Villa di Livia.

Nel 2014 fonda con Lucilla Boschi il MUSEO TOLOMEO e ne è Direttore Artistico (presso l’Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza). Con l’Istituto dal 1998 si occupa di sviluppare temi di accessibilità e inclusione.

Il progetto è nato dall’idea di partecipare alla sesta edizione di ‘Io Amo i Beni Culturali’, concorso di idee per la valorizzazione dei beni culturali indetto dall’IBC Emilia Romagna per avvicinare i giovani al patrimonio culturale della nostra regione.

L’iniziativa, voluta dalla prof.ssa Nicoletta Fava (Architettura) insieme alle Prof.sse Patrizia Barbieri (Storia dell’arte), Roberta Mattei (Discipline pittoriche) e Dolores Polazzi (Discipline plastiche), è stata realizzata con la collaborazione del Museo Tolomeo - Istituto dei ciechi "Francesco Cavazza", Archilabò e Centro AMPIA.

Le classi coinvolte hanno realizzato un racconto inedito della storica via Castiglione attraverso la creazione di diciannove "libri tattili" che illustrano alle persone ipovedenti o non vedenti un itinerario urbano di grande pregio artistico che, partendo dalla sede del Museo Tolomeo, arriva fino alle Due Torri.

Le attività si sono svolte da novembre a marzo e si sono articolate in una serie di incontri con gli insegnanti e con l’Arch. Fabio Fornasari, direttore artistico del Museo Tolomeo, nonché nei laboratori per la realizzazione dei manufatti.

Il coinvolgimento attivo degli studenti nelle problematiche degli ipovedenti è sfociato in un percorso di scoperta del valore e della ricchezza dei sensi diversi dalla vista, in particolare di quello del tatto.

A conclusione dell'iniziativa, gli studenti sono stati coinvolti nell'ideazione e nell'allestimento di una mostra che si è tenuta ... nei locali del museo.

Classi: 3D, 4F1, 5D

Responsabile del progetto: Prof.ssa Nicoletta Fava

Coordinamento: Prof.sse Patrizia Barbieri, Roberta Mattei, Dolores Polazzi

A.S. 2016/17

Tutte le immagini contenute in questo sito sono di proprietà del Liceo Arcangeli
o dei rispettivi autori e non possono essere utilizzate senza autorizzazione.

© 2017 Liceo Arcangeli.