Dall'Informale a Venezia

Piccola antologica di Silvana Garavello

Silvana Garavello è nata a Bologna, dove ha frequentato il Liceo Artistico e l’Accademia di Belle Arti, diplomandosi alla Scuola di Pittura.

Vive e lavora a Bologna e ha insegnato Discipline Pittoriche al Liceo Artistico di Bologna e Venezia.
Sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private.

Del suo lavoro hanno scritto Michele Fuoco, Cristina Bignardi; Vladimiro Zocca, Werther Gorni, Paola Trevisan, Adriana Soldini, Monica Lacoppola, Roberto Cresti, Rosaria Guadagno, Marina Corbetta, Valerio Grimaldi, Gianni Cerioli, Alessandra Santin.

«In questa esposizione intendo sintetizzare il mio percorso artistico, caratterizzato negli anni '90 e 2000 dall'informale materico ad olio su tela, da una serie di acquerelli astratti e, recentemente, dall'interpretazione di Venezia in modo evocativo.

Qualsiasi punto di partenza (la natura, la città, la riflessione sull'umano) è vissuto ed espresso in una ricerca basata sul colore, senza disegno sottostante: il colore, il segno, la materia, corposa o liquida, sono il medium per esplorare l'energia vitale, l'apparizione e mutazione dell'immagine, il conflitto nei rapporti personali, il sogno di una diversa realtà.

Ho cercato di operare guidata dalla "necessità interiore" che Kandinskij indica come fondamentale motivazione per il fare artistico, cambiando soggetti ma non il mio approccio ad essi: meditato, e contemporaneamente "abbandonato" alla "danza della pittura" e al suo strutturarsi sulla superficie.

In questo modo ho inseguito costantemente la mia tensione a una immagine dinamica, non liscia e realistica, in cui restino evidenti le forze del gesto e le intenzioni del pensiero».

Dal 3 al 17 marzo 2018.

Tutte le immagini contenute in questo sito sono di proprietà del Liceo Arcangeli
o dei rispettivi autori e non possono essere utilizzate senza autorizzazione.

© 2017 Liceo Arcangeli.